Banner title

logo_italia_zootecnicaQual è la situazione economica degli allevatori in Italia e in Francia? Quali sono le prospettive del settore? Per fare il punto della situazione si sono riuniti, lo scorso 29 luglio in Veneto, i rappresentanti degli allevatori di bovini da carne italiani, Consorzio L’Italia Zootecnica, e francesi, Fédération Nationale Bovine.

Il forte aumento dei costi di produzione strutturali (alimentazione, energia) provoca un impatto molto negativo sul reddito degli agricoltori e non garantisce la redditività. Il prezzo dei bovini pagato al produttore oggi è uguale a 15 o 20 anni fa, mentre, oggi, il prezzo della carne è aumentato considerevolmente al dettaglio.

Il modello economico del settore non può essere basato su uno schema di prezzi al ribasso visto che la produzione deve sottostare a stringenti requisiti normativi e regolamenti.

Le due federazioni hanno condiviso una posizione comune individuando una priorità: la Gdo e i trasformatori devono riconoscere un valore equo alla carne prodotta dagli allevatori, per poter migliorare i prezzi alla produzione e ai giovani bovini e vitelli da ristallo e quindi dare prospettive alle attività degli allevatori italiani e francesi, per continuare l’ingrasso e per aumentare le vacche nutrici.

La sostenibilità della filiera dipende dal mantenimento dell’attività di allevamento. Gli allevatori allertano i responsabili della macellazione e della distribuzione sulla necessità e urgenza di valorizzarla. In caso contrario, gli allevatori abbandoneranno la produzione e non ci sarà più ricambio generazionale.

E’ anche essenziale rafforzare i regolamenti comunitari dell’etichettatura di origine e la tracciabilità dei prodotti, per fornire tutte le informazioni richieste dai consumatori e per evidenziare la qualità della produzione. Inoltre, le disposizioni del regolamento (Ce) 1760/2000 sulla “etichettatura facoltativa delle carni bovine” (art. 16,17 e 18), non devono essere abrogate, per dare la possibilità ad ogni Stato membro di utilizzarle, per fornire ai consumatori informazioni certificate lungo tutta la filiera.

I rappresentanti degli allevatori italiani e francesi sottolineano inoltre l’importanza di orientare gli aiuti della nuova Pac verso la produzione di carne bovina per favorire un riequilibrio del reddito degli allevatori di bovini da carne.

agronotizie.imagelinenetwork.com

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *